skip to Main Content

L'approccio Gestaltico Integrato

Come psicologa – psicoterapeuta mi occupo di consulenza, sostegno psicologico e di psicoterapia presso il mio studio in provincia di Napoli. In seguito voglio spiegarti qual è il mio approccio per offrirti una visione del nostro possibile percorso insieme.

Il mio approccio alla pratica clinica propone l’integrazione teorica e tecnica di approcci terapeutici diversi che condividono una epistemologia umanistico-fenomenologica. Il modello gestaltico sviluppato da Fritz Perls funge da matrice integrativa al modello centrato sulla persona (Carl Rogers) e all’analisi transazionale (Eric Berne).

La teoria e la pratica della Gestalt è una corrente psicologica fondata sui temi della percezione e dell’esperienza. Influenzata dalla psicoanalisi, dalle filosofie umanistiche ed esistenziali, dalle tradizioni spirituali orientali, dalla pratica della consapevolezza sensoriale e dallo psicodramma. In questo senso è un vero approccio integrativo.

“Gestalt” è una parola tedesca che significa “intero” e indica il tema centrale della terapia della gestalt, che è la nostra tendenza a vedere e agire in interi unificati, invece che nelle parti. Da qui la famosa affermazione di Kurt Koffka (1921) che “il tutto è diverso dalla somma delle sue parti”: quando il sistema percettivo forma una gestalt, l’intera cosa ha un’esistenza indipendente nel sistema percettivo.

Come psicoterapeuta della Gestalt, vedo ogni individuo come un’integrazione di mente, corpo, emozioni, spiritualità e immaginazione, e credo che ognuno di noi possieda tutte le potenzialità necessarie per vivere una vita “sana”. Siamo nati interi e pieni di possibilità. Interagendo continuamente con l’ambiente, con gli altri e affrontando gli eventi della nostra vita, creiamo aggiustamenti e troviamo il nostro modo per affrontare le avversità.

Un funzionamento sano non impedisce alle persone di sentirsi vulnerabili. In un mondo in continua evoluzione, le persone devono costantemente affrontare nuove sfide, decisioni e difficoltà. Affidarsi ai vecchi modi di affrontare le nuove situazioni non è efficace e spesso ci impedisce di realizzare il nostro potenziale. Per essere pienamente soddisfatti, dobbiamo sviluppare nuovi modi di relazionarci e di stare nel mondo.

Il mio compito come psicoterapeuta della Gestalt è favorire l’emergere della consapevolezza del paziente. La consapevolezza è di per sé curativa e produce crescita. Consente all’individuo di comprendere i modi in cui contribuisce al determinarsi degli eventi della propria vita.

La prospettiva della Teoria della Gestalt, e quindi del mio approccio, è riassunta da Fritz Perls in quattro parole: Io – Tu, Qui e Adesso.

Il punto di vista gestaltico è l’approccio originario, naturale e non deformato alla vita, al pensare, all’agire e al senso dell’uomo.

Perls, Hefferline, Goodman (1971)

Fritz Perls spiega la Terapia della Gestalt

Back To Top